Resta a casa con il Maggio

Riccardo Muti e Carlo Maria Giulini protagonisti della seconda settimana.

Ogni giorno alle ore 20, su Facebook, grandi concerti, opere e registrazioni d’archivio in streaming gratuito.

La voce del Maggio continua a farsi sentire anche nelle case degli appassionati di musica grazie a #noisiamoilmaggio - La nostra musica per stare insieme, programma di trasmissioni online che ripropone gratuitamente alcune delle più memorabili performance della storia lontana e recente del Teatro.

Un’iniziativa avviata lo scorso 14 marzo che ha già portato nelle case di migliaia di appassionati la Madama Butterfly, l’Orchestra del Maggio diretta da Zubin Mehta, la tournée a Bucarest dello scorso settembre, grandi concerti, opere liriche e registrazioni d’archivio e che adesso si arricchisce di 12 titoli per un nuovo calendario di trasmissioni.
Basta collegarsi alla pagina Facebook del Teatro del Maggio nei giorni e agli orari indicati e seguire le istruzioni per avviare lo streaming, reso possibile per gentile concessione di RaiPlay e Dynamic srl Italy. Così la comunità del Maggio può restare unita – sebbene a distanza – anche in questi giorni di limitazione degli spostamenti, continuando però a condividere la sua passione per la musica.

Ad aprire la settimana lunedì 30 marzo alle ore 20, La favorite di Gaetano Donizetti, titolo già proposto con successo nell’ambito di #noisiamoilmaggio. Il grand opéra del compositore bergamasco è qui proposto – per gentile concessione della Dynamic srl Italy – nell’allestimento del Gran Teatro del Liceu di Barcellona con il Teatro Real di Madrid visto al Maggio durante la stagione 2017/2018, prima rappresentazione a Firenze della versione originale in francese. La regia è di Ariel García Valdés, a dirigere l’Orchestra del Maggio Musical Fiorentino è Fabio Luisi.

Martedì 31 marzo la programmazione si arricchisce della presenza di Riccardo Muti con Ipuritani di Vincenzo Bellini. Era il 1° dicembre 1970 e il maestro, all’epoca direttore musicale del Maggio, insieme a un cast di bravura stellare (ne facevano parte Nicolai Gedda, Cristina Deutekom, Sesto Bruscantini, Agostino Ferrin), rese una versione dell’opera che ancora oggi è di riferimento. La registrazione, tratta dalla collana “Historical Maggio Live – Riccardo Muti Edition”, una serie di incisioni edite nel 2018 per celebrare il 50° anniversario del debutto fiorentino del maestro, è una viva testimonianza di quel trionfale successo.

Il palinsesto lirico prosegue poi, mercoledì 1° aprile con un’altra attesa replica: la Didone abbandonata di Leonardo Vinci riproposta dal Maggio nella stagione 2016/2017 in coproduzione con il Teatro Verdi di Pisa grazie a una vera e propria operazione di recupero. Si tratta infatti della prima rappresentazione in tempi moderni di un dramma fondamentale per il primo Settecento napoletano. La trasmissione è resa possibile per gentile concessione della Dynamic srl Italy.

Tratto dalla collana “Historical Maggio Live – Riccardo Muti Edition” è anche il titolo di giovedì 2 aprile: Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, andato in scena il 2 gennaio 1970 al Teatro Comunale sotto la direzione di Riccardo Muti e un cast anche qui di prim’ordine, con Richard Tucker magistrale nei panni di Canio, e con, tra gli altri, Mietta Sighele e Kari Nurmela.

La settimana si chiude con due dei pezzi più pregiati nella lunga tradizione sinfonica del Maggio. Sabato 4 aprile due concerti per pianoforte e orchestra di Wolfgang Amadeus Mozart diretti da Riccardo Muti e con Sviatoslav Richter al pianoforte: il genio inarrivabile del salisburghese e due dei più grandi interpreti contemporanei a rendere imperdibile questo appuntamento.
Si comincia con il Concerto in do minore K. 491 registrato il 20 novembre 1971, per proseguire con il Concerto in si bemolle maggiore K. 595 del 5 dicembre 1976, entrambi al Teatro Comunale ed entrambi tratti dalla collana “Historical Maggio Live - Riccardo Muti Edition”.
Infine, domenica 5 aprile alle ore 20, l’omaggio di un altro dei più grandi direttori del secolo scorso alla scuola russa del tardo Ottocento: Carlo Maria Giulini dirige l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino nel doppio concerto del 19 e 20 novembre 1993 al Teatro Verdi di Firenze con un programma che prevede la Sinfonia n. 2 in do minore op. 17, Piccola Russia di Pëtr Il’ič Čajkovskij e i Quadri di un’esposizione di Modest Musorgskij, tratti anch’essi dalla collana “Maggio Live”.

PROGRAMMA COMPLETO

Nella stessa categoria:

lunedì 14 ottobre 2019

Voce in Fiore

Firenze Spettacolo

Firenze Spettacolo

Nuova Editoriale Florence Press srl. Piazza Spirito 19 - 50125 Firenze
Tel. 055 212911 - Fax 055 2776309
Iscritta Registro Ditte del Tribunale di Firenze n. 61351 - CCIAA n. 0443616 | Cap. Soc. € 10.329,14 - Cod. fisc./P. IVA 04366030486

Social

bolognaspettacolo.it